«
»
Assemblea - Comunicato di seduta (Resoconto sommario)

Martedì 20 Settembre 2022 - 465ª Seduta pubblica

(La seduta ha inizio alle ore 14:37)

In apertura di seduta il Presidente del Senato ha ricordato Maria Grazia Pagano, senatrice per quattro legislature, scomparsa il 17 settembre. Dopo che l'Assemblea ha osservato un minuto di silenzio, hanno partecipato alla commemorazione le sen. Valente (PD), Sbrollini (IV-PSI), Paola Binetti (FIBP-UDC), De Lucia (M5S) e i sen. Presutto (Ipf) e Urraro (L-SP). Il Presidente del Senato ha poi ricordato, insieme ai sen. Casini (Aut) e Zanda (PD), Virginio Rognoni, esponente politico di primo piano della seconda metà del Novecento.

L'Assemblea ha approvato definitivamente il ddl 2685-B, conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 agosto 2022, n. 115, recante misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali (decreto aiuti-bis), già approvato dal Senato e modificato dalla Camera dei deputati.

Alla Camera è stata soppressa la norma che prevedeva una deroga al tetto di 240.000 euro per gli stipendi dei più alti dirigenti. Alla discussione generale hanno preso parte le sen. Virginia La Mura, Rosa Abate (UpC-CAL), Elena Cattaneo (Aut) e il sen. Lanzi (M5S), che ha accusato i Gruppi PD, FI e IV di aver introdotto la deroga. Hanno svolto dichiarazione di voto finale favorevole i sen. Presutto (Ipf), Elvira Evangelista (IV-PSI), Comincini (PD) e Gasparri (FIBP), che hanno respinto le accuse del sen. Lanzi, la sen. De Petris (Misto-LeU), il sen. Castaldi (M5S) e il sen. Romeo (L-SP), che ha richiamato le responsabilità del Governo rispetto all'introduzione della norma poi soppressa alla Camera. Dall'opposizione, il sen. Lannutti (UpC-CAL) ha denunciato la scarsità degli aiuti, ha evidenziato che le sanzioni contro la Russia sono dannose per l'Italia, ha accusato il Governo di aver aggravato la crisi energetica con una politica che risponde esclusivamente agli interessi degli USA. La sen. Nugnes (Misto) ha posto l'accento sulla catastrofe ambientale e sociale conseguente alla politica delle privatizzazioni avviata da Draghi nel 1992.

Al termine della seduta la Presidenza ha espresso cordoglio per le vittime dell'alluvione nelle Marche; l'Assemblea ha osservato un minuto di silenzio.

(La seduta è terminata alle ore 16:47 )

FINE PAGINA

vai a inizio pagina