«
»
Assemblea - Comunicato di seduta (Resoconto sommario)

Giovedì 6 Dicembre 2018 - 68ª Seduta pubblica

(La seduta ha inizio alle ore 09:33)

L'Assemblea ha approvato il ddl n. 920, Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell'assenteismo. Il testo passa alla Camera.

Il provvedimento si compone di 6 articoli. L'articolo 1 introduce il Piano triennale delle azioni concrete per l'efficienza delle pubbliche amministrazioni e istituisce il Nucleo della Concretezza. Nel Piano sono individuate azioni per la corretta applicazione delle disposizioni in materia di organizzazione ed efficienza delle pubbliche amministrazioni; al Nucleo della Concretezza, con una dotazione organica di 53 unità di personale, spetta il compito di assicurare la realizzazione delle misure previste dal Piano, anche attraverso sopralluoghi e visite. L'articolo 2 introduce sistemi di verifica biometrica dell'identità e di videosorveglianza per verificare l'osservanza dell'orario di lavoro dei pubblici dipendenti. L'articolo 3 restringe l'ambito di applicazione del limite dell'ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento economico accessorio del personale, con alcune esclusioni espressamente previste. L'articolo 4 conferma il limite vigente per le assunzioni da parte delle amministrazioni statali e reca modifiche e integrazioni alle norme sulle procedure per le assunzioni. Sono previste la predisposizione di piani triennali dei fabbisogni di personale, tenendo conto dell'esigenza di assicurare il ricambio generazionale, e l'autorizzazione all'avvio delle procedure concorsuali e relative assunzioni nel triennio 2019-2021. Le procedure concorsuali possono essere espletate con modalità semplificate. L'articolo 5 reca una disciplina specifica per superare i problemi posti dall'avvenuta risoluzione da parte di Consip S.p.A. di alcune convenzioni di fornitura di buoni pasto per i pubblici dipendenti. L'articolo 6 contiene infine le disposizioni finali e le clausole di salvaguardia, con riferimento alle Regioni a statuto speciale ed alle Province autonome.

A conclusione della discussione generale, alla quale hanno preso parte i sen. Ruspandini, Isabella Rauti, Iannone (FdI), Elena Botto, Angela Piarulli, Romagnoli (M5S), Nadia Pizzol, Tiziana Nisini (L-SP), Anna Carmela Minuto, Maria Virginia Tiraboschi (FI) e D'Alfonso (PD), in sede di replica, il relatore, sen. De Vecchis (L-SP), ha rivendicato misure coraggiose che premiano gli aspetti virtuosi del pubblico impiego, favorendo un vero ricambio generazionale, dopo anni di ingessamento causato dai Governi di centrosinistra. La relatrice di minoranza, sen. Toffanin (FI), ha ribadito che nel ddl manca una visione organica della macchina della PA e quindi delle sue reali necessità. Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Giulia Bongiorno ha dichiarato orgoglio e soddisfazione per un provvedimento il cui nome è stato dettato dal principio a cui si è ispirato. Il Nucleo della Concretezza, lungi dal costituire un duplicato dell'Ispettorato per la funzione pubblica, che interviene in caso di reati consumati, entra in azione laddove c'è una incapacità organizzativa, andando a colmare una lacuna normativa. Quanto alle critiche sui controlli biometrici, considerati eccessivi da più parti, sono uno strumento per contrastare non già un malcostume ma un vero e proprio reato di truffa aggravata ai danni dello Stato.

Approvato l'articolato senza emendamenti, nelle dichiarazioni finali sono intervenuti i sen. Laforgia (LeU), Bertacco (FdI), Laus (PD), Briziarelli (L-SP), Floris (FI) e Susy Matrisciano (M5S). Le opposizioni hanno manifestato delusione rispetto ad un provvedimento che non introduce strumenti efficaci per il contrasto degli aspetti patologici del pubblico impiego, con l'unico rischio della criminalizzazione generale di un'intera categoria. LeU ha messo in risalto la distanza tra i proclami e la reale capacità di individuare problemi e soluzioni. Secondo FdI le disposizioni sui controlli comporteranno un aggravio significativo degli oneri di lavoro connessi alla loro attuazione, con ricadute nefaste sugli enti locali. Per il PD le misure per accelerare il ricambio generazionale prescindono da qualsiasi indagine in relazione all'effettivo fabbisogno delle singole amministrazioni dello Stato e andrebbero coordinate con le effettive risorse stanziate. FI ha sottolineato che, per essere realmente efficace, il provvedimento avrebbe dovuto inserirsi in un intervento più ampio di semplificazione dell'organizzazione della burocrazia statale. Le nuove assunzioni hanno natura puramente lineare e non tengono conto delle specificità di comparti quali la sanità e l'istruzione.

Alle ore 15 si sono svolte interrogazioni a risposta immediata.

Il Ministro dell'agricoltura Centinaio ha risposto all'interrogazione n. 452, illustrata dal sen. Durnwalder (Aut), sul preannunciato disegno di legge governativo di semplificazione e modernizzazione nei settori dell'agricoltura, del turismo e dell'ippica. E' intenzione del Governo modernizzare questi settori, rilanciando investimenti e consumi, e in attesa del conferimento di una delega, si sta lavorando a un patto per la semplificazione in sede di Conferenza Stato-Regioni.

Il Ministro dell'ambiente Costa ha risposto all'interrogazione n. 448, illustrata dalla sen. De Petris (Misto-LeU), sulla bonifica ambientale del territorio della Valle del Sacco, e all'interrogazione n. 451, illustrata dal sen. Ruspandini (FdI), sull'inquinamento del fiume Sacco e sulle misure di salvaguardia dell'ambiente. Le autorità competenti ISPRA, ARPA e Istituto superiore di sanità hanno avviato un'ispezione e la procura della Repubblica di Frosinone ha aperto un fascicolo per disastro ambientale. Il Governo ha stanziato 40,8 milioni per il sito di interesse nazionale e sta lavorando ad un accordo di programma con la Regione per rendere i fondi immediatamente erogabili. La depurazione è di competenza della Regione Lazio, ma lo Stato eserciterà funzioni di controllo. Il Ministro Costa ha poi risposto all'interrogazione n. 454, illustrata dalla sen. Gallone (FI), sul finanziamento degli interventi contro il dissesto idrogeologico. L'articolo 16 del ddl di bilancio stanzia 3 miliardi per gli enti locali. Il Governo ha già destinato 400 milioni al piano di emergenza e 6 miliardi al piano per la strutturazione degli interventi. D'accordo con le Regioni sono state velocizzate le procedure secondo il principio di prossimità territoriale; dovranno ora essere presentati i progetti esecutivi. Il Ministro Costa ha risposto infine all'interrogazione n. 449, illustrata dalla sen. Floridia (M5S), sull'autorizzazione all'esercizio della raffineria di Milazzo. Il Consiglio dei Ministri non ha autorizzato il termovalorizzatore; il Ministro dell'ambiente, dopo aver riesaminato l'autorizzazione integrata ambientale, ha notificato una diffida alla società affinché siano attuate le prescrizioni sanitarie.

Il Ministro delle infrastrutture Toninelli ha risposto all'interrogazione n. 450, illustrata dal sen. Romeo (L-SP), sullo sviluppo del traffico merci sulla linea ferroviaria Milano-Chiasso e le opere per tutelare il centro di Monza. Le Ferrovie hanno fatto sapere all'Agenzia per la sicurezza che non sussistono criticità nella galleria, per la quale si stanno istallando barriere protettive. Saranno comunque effettuati ulteriori controlli. Il Ministro Toninelli ha poi risposto all'interrogazione n. 453, illustrata dal sen. Laus (PD), sul completamento della ferrovia al alta velocità Torino-Lione e sulle sue conseguenze economiche: l'analisi costi benefici sarà resa pubblica; il Ministro sta interloquendo con le autorità francesi e con la Commissione europea per non perdere il finanziamento e per spiegare che l'ammodernamento infrastrutturale richiede interventi di manutenzione più che grandi opere. Il Governo sta inoltre semplificando le procedure di appalto e, in relazione alle concessioni autostradali, sta introducendo un nuovo modello di tariffazione che costringa le società a investire nella manutenzione.

(La seduta è terminata alle ore 16:03 )

FINE PAGINA

vai a inizio pagina