«
»
Newsletter
a cura dell'Ufficio stampa
e dell'Ufficio ricerche sulla legislazione comparata
del Senato della Repubblica

La newsletter #ParlamentiWeb è una finestra aperta sull'attività di altri Parlamenti in Europa. Nasce per allargare lo sguardo oltre i confini nazionali e offrire a chi è interessato una selezione rapida e sintetica di alcuni argomenti discussi e affrontati a Strasburgo, Londra, Parigi, Berlino, Madrid, così come riportati dai rispettivi siti web. Non è uno strumento di monitoraggio sistematico delle attività parlamentari dei Paesi presi in esame. Quindi non ha nessuna pretesa di completezza. E' aperta però al contributo diretto di chiunque sia interessato a segnalare notizie e novità utilizzando la piattaforma Twitter, con l'hashtag #ParlamentiWeb. La newsletter è curata dall'Ufficio stampa e internet e dall'Ufficio ricerche sulla legislazione comparata del Senato.

12 Aprile 2019

  • --- In primo piano ---

    PARLAMENTO EUROPEO

    - Dichiarazione del Brexit Steering Group: stop all'incertezza
    - Diecimila guardie di frontiera per rafforzare le frontiere esterne dell'UE
    - Diminuire i rischi nel settore bancario
    - Web: i contenuti terroristici devono essere rimossi entro un'ora
    - Commissione Agricoltura: via libera all'ultimo pacchetto di proposte per la PAC

    REGNO UNITO - HOUSE OF COMMONS

    - Brexit, proroga al 31 ottobre 2019: dichiarazione del Primo Ministro ai Comuni
    - Dibattito in Aula sull'arresto di Julian Assange
    - Dichiarazione del governo contro le manifestazioni di razzismo e intolleranza nelle partite di calcio
    - Pensioni all'estero "congelate": dossier della Biblioteca
    - Il Premio del Parlamento per i giovani che "fanno la differenza"

    REGNO UNITO - HOUSE OF LORDS

    - Risorse idriche: dibattito sul progetto del governo
    - Hong Kong: dichiarazione del governo sulla condanna degli attivisti di "Occupy"
    - Intelligenza artificiale: investimenti aumentati del 17% nel 2018
    - Discussione sulla copertina dei nuovi passaporti senza la dicitura "Unione Europea"

    FRANCIA - ASSEMBLÉE NATIONALE

    - Tassa sui servizi digitali
    - Modifica del piano di riduzione delle tasse sulle società
    - Intervento del Governo a chiusura del Grande dibattito nazionale
    - Crescita e trasformazione delle imprese

    FRANCIA - SÉNAT

    - Controllo dell'ammissibilità finanziaria degli emendamenti e delle proposte di legge
    - Referendum a iniziativa condivisa

    GERMANIA - BUNDESTAG

    - Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione europea
    - Interrogazione a risposta immediata al Governo
    - Commissione elettorale federale
    - Terzo turno di scrutinio per eleggere il Vicepresidente del Bundestag
    - Aktuelle Stunde sulla carenza di alloggi

    SPAGNA - CONGRESO DE LOS DIPUTADOS

    - I Presidenti delle Cortes partecipano alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione Europea a Vienna
    - Alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'UE, la Presidente Pastor reclama un maggior coinvolgimento dei Parlamenti nazionali nei dibattiti europei e mette in guardia sui rischi del populismo in vista dei comizi per le elezioni europee di maggio

    SPAGNA - SENADO

    - Prosegue il ciclo di conferenze organizzate dal Senato con l'Associazione di Scrittori con la Storia, i cui membri illustrano episodi della storia spagnola prendendo spunto dai dipinti posseduti dalla Camera Alta
    - Il Presidente del Senato interviene alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione Europea
    - A margine della Conferenza, si svolge a Vienna un incontro bilaterale tra il Presidente del Senato e il Presidente del Senato francese, Gerard Larcher
    - Si svolge al Senato la presentazione di un'opera patrocinata dall'Università Panamericana del Messico per celebrare il V Centenario della fondazione di Veracruz, primo municipio in terraferma americana
    - Si svolge al Senato la cerimonia per la consegna della XII edizione dei Premi Taurini attribuiti dall'Associazione Taurina Parlamentare (ATP)

    *****************************

    PARLAMENTO EUROPEO

    Statement by the European Parliament ahead of the 10 April Brexit Summit
    Il Parlamento europeo ha sempre sostenuto la necessità di una stretta relazione futura UE-Regno Unito e ritiene che l'incertezza che circonda Brexit debba finire. Lo afferma una dichiarazione del comitato Brexit Steering Group del Parlamento europeo, coordinato da Guy Verhofstadt. Il comitato sostiene apertamente la partecipazione del Regno Unito all'unione doganale e condivide la considerazione che un'uscita senza accordi sarebbe dannosa per i cittadini e per l'economia. Ci aspettiamo - si legge nella dichiarazione - che il Primo Ministro Theresa May indichi quali sono le prospettive dei colloqui interpartitici tra il governo e il partito laburista, i risultati attesi e se esiste una solida maggioranza parlamentare a sostegno di un accordo. In caso contrario, dovrebbe indicare chiaramente la via da seguire, sia che si tratti di un referendum o di un'elezione generale.
    (Link)

    Diecimila guardie di frontiera per rafforzare le frontiere esterne dell'UE
    "Bisogna essere giusti con chi merita protezione, duri con chi si approfitta delle persone più vulnerabili e risoluti con chi cerca di infrangere le regole", così l'eurodeputata maltese Roberta Metsola, del Partito popolare europeo, ha commentato le nuove norme per l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, in votazione il 17 aprile 2019. Le frontiere esterne dell'Europa hanno visto negli ultimi anni un aumento senza precedenti del numero di migranti e rifugiati che desiderano entrare nell'UE. Le norme proposte fornirebbero all'Agenzia europea un corpo permanente di diecimila guardie di frontiera entro il 2027 e renderebbero più efficienti i rimpatri per quei cittadini di paesi terzi che non hanno diritto di restare nel territorio europeo. Il corpo permanente sarebbe formato da personale impiegato dall'Agenzia e da personale distaccato proveniente dai paesi europei.
    (Link)

    Il Parlamento vuole diminuire i rischi nel settore bancario
    La prossima settimana il Parlamento europeo voterà due relazioni, il cui responsabile è l'eurodeputato svedese Gunnar Hökmark (del Partito popolare europeo), sul salvataggio delle banche. Le proposte prevedono che, in caso di crisi, gli Stati membri debbano assicurare un sufficiente assorbimento delle perdite da parte delle istituzioni finanziarie, di modo che venga ridotto al minimo l'impatto sulla stabilità finanziaria e sui contribuenti. Nelle relazioni si richiede inoltre chiarezza per rassicurare i mercati e permettere l'accumulo delle necessarie riserve finanziarie. "I nuovi requisiti ridurranno i rischi nel sistema finanziario, ma allo stesso tempo, cerchiamo di garantire che le banche giochino un ruolo attivo negli investimenti finanziari e nella crescita", ha affermato Hökmark. Il Parlamento discuterà della riforma bancaria lunedì 15 aprile e voterà le relazioni il giorno seguente.
    (Link)

    Terrorist content online: companies to be given just one hour to remove it
    Facebook, YouTube e le altre società che operano in Rete devono rimuovere rapidamente i contenuti terroristici, al più tardi un'ora dopo aver ricevuto un ordine dalle autorità. Lo sostiene la Commissione per le libertà civili che ha approvato - con 35 voti favorevoli, 1 voto contrario e 8 astensioni - un progetto di legge per contrastare l'uso dei servizi di hosting per diffondere pubblicamente contenuti terroristici online in tutta l'UE. I fornitori di servizi di hosting che sistematicamente e costantemente non rispettano la legge possono essere sanzionati fino al 4% del loro fatturato globale. Facebook e YouTube non saranno comunque obbligati a monitorare le informazioni che trasmettono o memorizzano, né dovranno cercare attivamente fatti che indichino un'attività illegale. Inoltre, qualsiasi decisione dovrebbe tener conto delle dimensioni e della capacità economica dell'impresa e "della libertà di ricevere e diffondere informazioni e idee in una società aperta e democratica", hanno convenuto i deputati.
    (Link)

    Checks, fines, crisis reserve: MEPs vote on EU farm policy reform
    La Commissione agricoltura ha approvato l'8 aprile l'ultima serie di proposte volte a migliorare la politica agricola dell'UE. Gli emendamenti della Commissione al cosiddetto "Regolamento sul finanziamento, la gestione e il controllo" sono stati approvati con 28 voti favorevoli, 7 contrari, 7 contrari e 2 astensioni. La riserva per le crisi agricole, per aiutare gli agricoltori in caso di instabilità dei prezzi o dei mercati, dovrebbe essere finanziata in aggiunta ai pagamenti diretti della PAC e al finanziamento dello sviluppo rurale. Il suo bilancio iniziale dovrebbe essere di 400 milioni di euro, mentre ogni anno potrebbero essere aggiunti altri fondi, insieme a quelli dell'anno precedente, fino a raggiungere 1,5 miliardi di euro, dicono i deputati. Per i beneficiari che non rispettino i requisiti in materia di ambiente, benessere degli animali o qualità degli alimenti, sono previste riduzioni delle indennità.
    (Link)

    *****************************

    REGNO UNITO - HOUSE OF COMMONS

    Prime Minister's statement after Article 50 extended to 31 October 2019
    Giovedì 11 aprile il Primo Ministro ha comunicato - con una propria dichiarazione alla House of Commons - che l'Unione europea ha approvato la proroga dell'articolo 50 (uscita dall'Unione Europea) al 31 ottobre 2019. La scadenza era stata originariamente fissata al 12 aprile; in assenza di un accordo di ritiro che potesse ottenere la maggioranza parlamentare, la settimana scorsa il Primo Ministro ha annunciato che avrebbe chiesto una proroga fino al 30 giugno 2019. Rivolgendosi ai Comuni, Theresa May ha dichiarato: "L'intero dibattito sta mettendo i deputati di tutti gli schieramenti sotto un'immensa pressione, causando incertezza nel paese [....]. Sfruttiamo l'opportunità della pausa per riflettere sulle decisioni che dovranno essere prese rapidamente al nostro ritorno dopo Pasqua. E cerchiamo di trovare una via d'uscita da questa impasse per lasciare l'Unione europea al più presto con un accordo, per evitare di dover tenere le elezioni parlamentari europee e soprattutto per poter rispettare la decisione democratica del referendum, ottenere la Brexit e far progredire il nostro paese". In risposta, il leader dell'opposizione Jeremy Corbyn ha affermato: "Il partito laburista continuerà ad impegnarsi costruttivamente nei colloqui [con il governo], poiché rispettiamo il risultato del referendum e siamo impegnati a difendere i posti di lavoro, l'industria e il tenore di vita, creando una stretta relazione economica con l'Unione europea e garantendo un commercio senza attriti, con il miglioramento dei diritti e degli standard. Se ciò non fosse possibile, riteniamo che tutte le opzioni dovrebbero rimanere sul tavolo, compresa l'opzione di un voto pubblico".
    (Link)

    Statement: Julian Assange arrested after seven years in embassy
    Giovedì 11 aprile il Ministro degli Interni Sajid Javid ha reso una dichiarazione ai Comuni dopo l'arresto di Julian Assange. Il fondatore di Wikileaks è stato arrestato la mattina di giovedì presso l'Ambasciata ecuadoriana, dopo che il governo dell'Ecuador ha revocato il suo status di rifugiato con diritto di asilo. Assange ha passato gli ultimi sette anni nell'ambasciata, per evitare l'estradizione, prima in Svezia, dove era accusato di stupro (accusa poi abbandonata), e più recentemente negli Stati Uniti. Si prevede che Assange dovrà affrontare un procedimento legale nel Regno Unito; il governo ha confermato per iscritto all'Ecuador che non permetterà la sua estradizione in un paese dove potrebbe essere sottoposto a tortura o morte. Molto duro l'intervento della deputata laburista Diane Abbott, "segretaria ombra degli Interni": "Julian Assange non viene perseguito per proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Viene perseguito perché ha smascherato le azioni sbagliate delle amministrazioni americane e delle forze militari Usa".
    (Link)

    Football cannot be used as a cloak for racism and intolerance
    Il Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport ha reso una dichiarazione ai Comuni, a seguito di una serie di incidenti verificatisi in occasione delle partite di calcio degli ultimi mesi, con il ripetersi di insulti a sfondo razzista e antisemita. Chi si oppone a questi attacchi merita il nostro sostegno, ha detto il ministro dello sport Mims Davies, aggiungendo: che si tratti di giocatori, manager o tifosi, nessuno dovrebbe tollerare discriminazioni di qualsiasi tipo. Tom Watson, segretario di Stato ombra per il digitale, la cultura, i media e lo sport, ha replicato: mi congratulo con il ministro per aver portato questa dichiarazione in Aula; siamo rimasti tutti scioccati dal razzismo durante la partita contro il Montenegro del mese scorso.
    (Link)

    Frozen Overseas Pensions
    La pensione statale britannica versata a cittadini residenti all'estero è rivalutata annualmente solo se la persona beneficiaria risiede in un paese dell'UE, dello spazio economico europeo o in un paese con cui il Regno Unito ha un accordo di sicurezza sociale reciproco che lo richiede. I pensionati britannici residenti in altri paesi - in particolare Australia, Canada, Nuova Zelanda e Sudafrica - hanno la loro pensione "congelata" allo stesso importo del primo versamento. La politica di non concedere aumenti in alcuni paesi oltreoceano è giustificata dalla volontà di concentrare le risorse limitate sui pensionati che vivono nel Regno Unito. Ha spiegato il ministro delle pensioni Guy Opperman: le rivalutazioni annuali si basano sui livelli di crescita degli utili e sull'inflazione dei prezzi nel Regno Unito, che non hanno alcuna rilevanza diretta nel caso in cui il pensionato sia residente all'estero; in secondo luogo, il costo della rivalutazione delle pensioni statali all'estero costerebbe oltre 0,5 miliardi di sterline all'anno. L'argomento è trattato in un dossier della Biblioteca dei Comuni.
    (Link)

    Your UK Parliament Award winners announced!
    Il 2 aprile sono stati consegnati i premi "Your UK Parliament Awards" dal presidente della Camera dei Comuni, John Bercow. E' il secondo anno dell'iniziativa che ha l'obiettivo di premiare e segnalare il lavoro delle persone che "fanno la differenza", nelle loro comunità e non solo. I vincitori sono scelti dal Presidente della Camera e da una giuria composta da parlamentari, Lord e giudici indipendenti. Ha detto l'on. Bercow: "Non c'è niente di più stimolante di sentire come questi vincitori abbiano usato tanti modi innovativi per coinvolgere maggiormente le persone e metterle in contatto con il Parlamento britannico. I premi di quest'anno hanno fatto luce su questo straordinario lavoro e speriamo che questo incoraggi altri ad unirsi alla campagna". Tra i vincitori, ad esempio, figura "Hummingbird Young Leaders", un gruppo di cinque giovani rifugiati, impegnati a Brighton per migliorare la vita di altri giovani rifugiati nel Regno Unito.
    (Link)

    *****************************

    REGNO UNITO - HOUSE OF LORDS

    Lords debates National Policy Statement for Water Resources Infrastructure
    Giovedì 11 aprile, i Lord hanno discusso il progetto di politica nazionale per le reti idriche. Il progetto, ha detto in aula il sottosegretario del dipartimento per l'ambiente, Lord Gardiner of Kimble, si basa su una serie di previsioni di qui al 2050, che quantificano il deficit previsto in termini di acqua disponibile per l'approvvigionamento idrico. L'ultimo rapporto è stato pubblicato l'anno scorso dalla Commissione nazionale per le infrastrutture, istituita per fornire al governo una consulenza di esperti indipendenti sulle esigenze infrastrutturali della nazione. Il rapporto afferma che è necessaria un'azione immediata per colmare un divario di 3,3 miliardi di litri al giorno, a fronte dei 15 miliardi di litri al giorno attualmente immessi nella fornitura pubblica. Dobbiamo affrontare questa sfida su due fronti, ha detto il sottosegretario, riducendo la domanda e aumentando l'offerta. Nel decennio successivo alla privatizzazione, l'industria idrica si è attivata per ridurre le perdite e i livelli attuali sono in calo di un terzo rispetto al 1994. Tuttavia, negli ultimi anni i progressi si sono arrestati e ancora oggi circa un quinto dell'offerta è in perdita (circa 3 miliardi di litri al giorno). La Commissione nazionale per le infrastrutture calcola che circa 1,4 miliardi di litri al giorno potrebbero essere risparmiati dimezzando le perdite entro il 2050.
    (Link) (resoconto)

    Hong Kong: Pro-democracy Activists
    Il 9 aprile il tribunale di Hong Kong ha pronunciato il primo verdetto sui nove militanti del movimento "Occupy" di Hong Kong, arrestati dopo le proteste del 2014. Sono stati tutti giudicati colpevoli di almeno un reato collegato al disturbo della quiete pubblica, con pene che arrivano a sette anni di reclusione. I procedimenti giudiziari sono in corso e potrebbero richiedere anni per arrivare alla conclusione. Ciò nondimeno, il governo britannico, nella persona del ministro degli esteri Lord Ahmad of Wimbledon, ritiene opportuno ricordare che ai cittadini di Hong Kong è garantito il diritto alla libertà di riunione e di manifestazione ai sensi della dichiarazione sino-britannica del 1984 e della Legge fondamentale. Il successo e la stabilità di Hong Kong - ha detto il 10 aprile in aula il rappresentante del governo - dipendono dall'alto grado di autonomia duratura e dal rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali sanciti dalla dichiarazione congiunta. Sarebbe estremamente preoccupante - ha aggiunto - se questa sentenza scoraggiasse in futuro le proteste legittime o addirittura scoraggiasse i cittadini di Hong Kong dall'impegnarsi in attività politiche.
    (Resoconto)

    Businesses based on artificial intelligence
    Gli investimenti provenienti dall'estero nel settore dell'intelligenza artificiale (AI) sono aumentati del 17% l'anno scorso nel Regno Unito, più dell'intera Europa nel suo complesso. Lo ha affermato, con evidente soddisfazione, il sottosegretario del dipartimento "Business, Energy and Industrial Strategy", Lord Henley, intervenendo in aula il 10 aprile, rispondendo alle interrogazioni sulle prospettive di sviluppo delle attività economiche legate appunto all'intelligenza artificiale. Nelle classifiche internazionali, ha ricordato ancora il sottosegretario, 3 delle 10 migliori università del mondo sono britanniche, il che rende certamente interessante per le imprese venire in questo paese per migliorare le ricerche in AI. Il governo sta facendo la sua parte con un progetto che prevede investimenti del valore di un miliardo di sterline, metà provenienti dal governo e metà dall'industria.
    (Resoconto)

    British passports that do not include "European Union" on the front cover
    A partire dal 30 marzo, i passaporti britannici non riportano più la dicitura "Unione europea" sulla copertina colore burgundy. I "vecchi" passaporti, con il riferimento all'UE, non perdono però la loro validità: entrambi sono ugualmente validi per viaggiare all'estero. Lo ha precisato in aula il ministro dell'interno, Baronessa Williams of Trafford, rispondendo alle domande dei Lord su questa "innovazione" tipografica. Il dibattito ha assunto a tratti toni ironici, come quando, ad esempio, Lord Forsyth of Drumlean ha chiesto se il governo intende prendere in considerazione la possibilità di far produrre al Ministero degli Interni adesivi usa e getta con la dicitura "Unione Europea" per le persone che si sentono "preoccupate" per questo argomento.
    (Resoconto)

    *****************************

    FRANCIA- ASSEMBLÉE NATIONALE

    Taxe sur les services numériques
    Martedì 2 e mercoledì 3 aprile 2019, la Commissione Finanze ha esaminato e approvato il disegno di legge che istituisce una tassa sui servizi digitali e modifica la previsione dei tagli alle imposte sulle società. Il disegno di legge è stato all'esame dell'Assemblea in seduta pubblica da lunedì 8 a mercoledì 10 aprile 2019. Il disegno di legge consiste di due articoli. Il primo propone la modifica del Codice generale delle imposte per introdurre in Francia la tassazione dei profitti delle grandi multinazionali del settore digitale (Google, Amazon, Facebook e Apple, indicati con la sigla GAFA). Si ricorda che un analogo progetto europeo fu rigettato nel mese di marzo scorso dalle istituzioni comunitarie per mancanza di unanimità. Dopo questo fallimento, il governo ne ha proposto una versione nazionale, che i deputati dell'Assemblea hanno adottato in prima lettura, con 55 voti contro 4, lunedì 8 aprile. Si stima che dall'introduzione di questa tassa possano derivare allo Stato circa 400 milioni di euro quest'anno, poi 650 milioni di euro negli anni successivi, applicando un'imposta del 3% sul reddito generato dall'attività degli utenti di Internet. Destinatari, in particolare, la vendita a terzi dei dati personali e i servizi di advertising targeting. Il voto è stato accolto con favore dal ministro dell'Economia, come un segnale forte per tutti i paesi europei (video seduta).

    Modification de la trajectoire de baisse de l'impôt sur les sociétés
    Martedì 2 e mercoledì 3 aprile 2019, la Commissione Finanze ha esaminato e approvato il disegno di legge che istituisce una tassa sui servizi digitali e modifica la previsione dei tagli alle imposte sulle società. Il disegno di legge contiene due articoli. Il primo, come si è detto, introduce un'imposta sui redditi lordi derivanti da alcuni servizi digitali forniti da grandi gruppi. Il secondo prevede di posticipare di un anno il progetto del governo di ridurre l'imposta sulle società aventi un volume d'affari superiore a 250 milioni di euro, attualmente sottoposte ad un'aliquota del 33%. L'articolo 2 è stato approvato il 9 aprile con 60 voti contro 34. Il posticipo della prevista riduzione permetterà alle casse dello Stato di disporre nel 2019 di 1,7 miliardi di euro per attuare le misure di emergenza richieste dalla crisi sociale. Il governo comunque, attraverso il Ministro dell'economia Le Maire, ha ribadito l'intenzione di intervenire sulla fiscalità delle grandi imprese per portare l'aliquota al 25% entro la fine del mandato presidenziale di Macron. L'Assemblea nazionale ha inoltre approvato un nuovo articolo che impone al Governo di affidare al Parlamento la preparazione di un rapporto aggiornato sullo stato della fiscalità delle imprese commerciali, distinguendo tra quelle che operano nei servizi reali e quelle che operano nei servizi digitali. Il rapporto parlamentare dovrà inoltre proporre le misure ritenute necessarie per giungere ad un quadro fiscale più equilibrato tra le diverse forme di commercio (testo del progetto di legge approvato).

    Declaration du Gouvernement relative au Grand Débat national
    Martedì 9 aprile il Governo è intervenuto in Assemblea per concludere con la sua dichiarazione - cui è seguito un dibattito - il Grande dibattito nazionale aperto dal presidente Macron nel mese di gennaio e proseguito fino a metà marzo (video della seduta). Nell'analisi del Primo ministro Edouard Philippe, la lezione da trarre da questo dibattito è che "per rispondere alla sfiducia bisogna costruire una democrazia più deliberativa. Questo perché il tempo dei media, il tempo economico e il tempo politico stanno accelerando e perché il futuro del paese non può più essere discusso solo una volta ogni cinque anni. Va costruita una forma di democrazia partecipativa a livello nazionale". Il premier ha inoltre insistito sull'"enorme esasperazione fiscale delle famiglie e delle imprese". La protesta dei 'gilet gialli' è stata innescata da motivi fiscali, precisamente per l'innalzamento del costo dei carburanti. Secondo il primo ministro, il paese ha raggiunto un livello elevato di intolleranza su questo tema, cui bisogna reagire immediatamente con una riduzione del carico delle imposte sia sulle famiglie che sulle imprese, corrispondente ad una riduzione delle spese dello Stato e quindi del 'peso' dello Stato in determinati settori. Tra i cittadini che hanno partecipato al dibattito è emerso che quattro su dieci si lamentano del eccessivo numero di imposte. Il 20% invoca una maggiore giustizia fiscale, in quanto la tassazione sarebbe "troppo alta per le classi medie". Infine, il 13 per cento dei partecipanti ha chiesto una lotta più intensa contro l'evasione e le frodi fiscali (link).

    Entreprises: croissance et transformation
    Giovedì 11 aprile, l'Assemblea nazionale ha esaminato in lettura definitiva il progetto di legge mirante alla crescita e trasformazione delle imprese (progetto PACTE) (dossier). Il progetto governativo, depositato proprio all'Assemblea nazionale poco meno di un anno fa, è la chiave delle riforme governative nel settore produttivo. L'elaborazione del testo ha visto prima una lunga fase di concertazione che si è conclusa nel mese di febbraio. Successivamente il testo ha percorso una lunga navette parlamentare, essendo stato sottoposto due volte a lettura da ciascun ramo del Parlamento e da una Commissione mista paritaria. Uno degli aspetti più controversi della legge PACTE riguarda la privatizzazione degli aeroporti di Parigi, una misura prevista dal governo ma soppressa nel corso della lettura al Senato, e successivamente reintrodotta con alcune modificazioni dall'Assemblea nazionale. Su questo punto si è mantenuta una forte divergenza tra i due rami del Parlamento e tra maggioranza e opposizione (dossier Senato). Un consistente gruppo di deputati di opposizione, ben 197, ha annunciato nel corso di una conferenza stampa tenutasi martedì di voler presentare una proposta popolare per modificare il regime giuridico degli aeroporti di Parigi e renderli indisponibili come beni economici, in quanto si tratta di asset strategici di politica economica (link alla notizia) (vedi oltre, 'referendum a iniziativa condivisa').

    *****************************

    FRANCIA - SÉNAT

    Contrôle de la recevabilité financière des amendements et des propositions de loi
    Mercoledì 10 aprile la Commissione finanze ha ascoltato in audizione il Presidente dell'Alto Consiglio della finanza pubblica, organo indipendente incaricato di valutare le previsioni macroeconomiche del Governo e di verificare la coerenza degli obiettivi di finanza pubblica con gli impegni europei della Francia. Tema dell'audizione, il parere, adottato dal Consiglio il 9 aprile, sulle previsioni macroeconomiche associate al programma di stabilità 2019 - 2023 (video dell'audizione). Tra le attualità della Commissione finanze, si segnala la seduta del 3 aprile, nella quale è stato dibattuto il tema dell'ammissibilità finanziaria degli emendamenti e delle proposte di legge, ai sensi dell'articolo 40 della Costituzione (il quale dispone che emendamenti o proposte da parte dei parlamentari non sono ricevibili se comportano una riduzione delle risorse o un aggravio di impegni finanziari dello Stato). Il Presidente Vincent Eblé ha fatto una comunicazione in Commissione per chiarire con i colleghi i criteri in base ai quali ritiene possibile dichiarare o meno l'ammissibilità degli emendamenti di natura finanziaria. A fronte delle proteste dei senatori che spesso vedono respingere le loro proposte, il Presidente ha ricordato le regole molto stringenti derivanti dall'applicazione della norma costituzionale e di una giurisprudenza 'trasparente' del Consiglio costituzionale (resoconto).
    Altro tema ricco di spunti all'interno della Commissione finanze, la richiesta avanzata ufficialmente dal Relatore generale della Commissione Albéric de Montgolfier al Governo, di consentire alla Commissione stessa l'accesso libero alle basi di dati fiscali in possesso del Governo, in modo da poter effettuare attendibili simulazioni delle conseguenze delle politiche di bilancio senza dipendere dalle analisi del Ministero. Nel corso di una conferenza stampa tenutasi mercoledì 10 (dossier) il presidente della Commissione Eblé e il senatore De Montgolfier hanno sostenuto che per valutare correttamente l'impatto delle misure economiche proposte dal governo ed eventualmente correggerle è necessario che gli organi legislativi dispongano di strumenti completi, indipendenti e trasparenti (per esempio, se la Commissione avesse potuto disporre di alcuni elementi contenuti nelle basi di dati fiscali dei francesi, le conseguenze della proposta di aumento della carbon tax, che ha scatenato tante proteste, sarebbero state comprese e prevenute). Il Governo non ha ancora chiarito se intenda collaborare o meno. Per il momento, il Senato ha ottenuto dal ministero dell'Azione pubblica e dei conti pubblici l'accesso al sistema della contabilità dello Stato. La disponibilità dei dati fiscali da parte del Parlamento sarebbe tanto più necessaria in quanto la fiscalità è uno dei temi più sensibili emersi dal Grande dibattito nazionale appena concluso (link).

    Référendum d'initiative partagée
    Il cosiddetto referendum d'iniziativa condivisa (Référendum d'initiative partagée) è una disposizione consentita dalla revisione costituzionale del 2008, e definito dall'articolo 11 della Costituzione vigente. Permette di indire un referendum su iniziativa di parlamentari e cittadini su una proposta di legge presentata da almeno un quinto dei parlamentari (185) e sostenuta dalle firme di almeno un decimo degli elettori (circa 4,5 milioni). Oggetto di referendum possono essere "l'organizzazione delle autorità pubbliche, le riforme relative alla politica economica, sociale o ambientale della nazione" e i "servizi pubblici". Una volta raccolto il necessario sostegno parlamentare, il Consiglio costituzionale convalida il rispetto delle condizioni e può iniziare la raccolta delle firme, per un periodo di 9 mesi e in forma elettronica. Finora non si sono mai raggiunte le condizioni richieste per questo tipo di referendum perché le soglie sono piuttosto elevate, ma nel caso della privatizzazione degli aeroporti di Parigi, prevista dalla recente legge PACTE, si è già raggiunto il numero di 195 deputati che sostengono la proposta. In ogni caso, il referendum non si svolge automaticamente perché se l'Assemblea nazionale e il Senato esaminano il disegno di legge entro 6 mesi, il referendum non ha luogo. Viene indetto dal Presidente della Repubblica solo in caso di inerzia del Parlamento. Altra condizione è che il referendum non possa essere promosso allo scopo di abrogare una disposizione legislativa promulgata da meno di un anno. Se il testo è respinto nella consultazione popolare non può essere presentata alcuna nuova proposta referendaria sullo stesso argomento prima della scadenza di un periodo di due anni (link).

    *****************************

    GERMANIA - BUNDESTAG

    Schäuble wirbt für Verständnis für unterschiedliche nationale Auffassungen in der EU
    Schäuble promuove l'apertura a diverse posizioni nazionali nell'UE

    La politica europea di vicinato e le prossime elezioni europee sono stati i due temi principali sui quali i Presidenti dei parlamenti degli Stati membri dell'Ue e del Parlamento europeo hanno avuto uno scambio di opinioni in occasione della conferenza annuale tenutasi a Vienna da lunedì 8 aprile a martedì 9 aprile 2019. In questo forum, il presidente del Bundestag, Wolfgang Schäuble, ha chiesto di concentrarsi pragmaticamente sui compiti più urgenti per migliorare la capacità dell'Ue di agire rapidamente ed efficacemente e riconquistare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni europee. Il Presidente del Bundestag ha dichiarato che, anche se l'Ue si trova in una fase difficile, i politici hanno tutte le possibilità per superare queste difficoltà: "La storia ci insegna che l'unificazione europea ha sempre compiuto progressi sostanziali in tempi di grandi crisi o dopo di esse. Questo mi rende ottimista." A margine della conferenza, il Presidente del Bundestag Schäuble ha avuto colloqui bilaterali con diverse controparti europee, tra cui il Presidente del Parlamento svedese Andreas Norlén, il Presidente della Camera dei deputati Roberto Fico, e Gérard Larcher, Presidente del Senato francese.
    (Link alla notizia)
    (Scheda sulla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti Ue)

    Bundeskanzlerin Angela Merkel stellt sich den Fragen der Abgeordneten
    Il cancelliere tedesco Angela Merkel risponde alle domande dei parlamentari

    Il Cancelliere federale Angela Merkel ha risposto alle domande dei deputati europei mercoledì 10 aprile in un'informativa di un'ora. Lo spettro degli argomenti trattati è stato ampio: Brexit, salari minimi europei, protezione del clima, carenza di alloggi, riforma europea del diritto d'autore. All'inizio dell'informativa, il Capo di governo ha informato l'assemblea sullo stato di avanzamento dei negoziati sulla Brexit in vista del vertice straordinario del Consiglio europeo che sarebbe iniziato la sera stessa. "Ci restano solo 59 ore per per impedire una Brexit disordinata", ha detto la Merkel. Questo scenario non è "nell'interesse" del governo federale. La Merkel ha quindi annunciato che avrebbe lavorato in seno al Consiglio europeo per dare più tempo al Regno Unito e rinviare la data di partenza al 30 giugno, come richiesto dal primo ministro britannico Theresa May.
    (Link alla notizia)
    (Video nella lingua dei segni)

    Europawahl: Bundeswahlausschuss weist sieben Beschwerden zurück
    Elezioni europee: la Commissione elettorale federale respinge sette ricorsi

    Giovedì 4 aprile, nella sua seconda seduta sulle elezioni europee, la Commissione elettorale federale ha respinto i ricorsi di sette associazioni politiche contro le decisioni prese nella prima seduta del 15 marzo. Sei casi riguardavano ricorsi contro il rigetto delle proposte elettorali, nel caso del Partito Pirata (Piratenpartei), si trattava di un ricorso contro l'ammissione della lista nazionale per le elezioni europee, che si terranno in Germania il 26 maggio 2019. Il Partito Pirata aveva già voluto rimuovere il candidato dal secondo posto nella lista, nella seduta che si era tenuta lo scorso 15 marzo per esaminare le condizioni giuridiche formali per la partecipazione alle elezioni del Parlamento europeo. La Commissione elettorale federale aveva respinto la proposta perché erano stati soddisfatti tutti i requisiti formali. Il ricorso del Partito Pirata, che doveva pervenire al Commissario federale per le elezioni entro il 19 marzo, mirava a cancellare il candidato dalla lista, ma ammettendo il resto della lista. Il motivo risiedeva nella denuncia di molestie sessuali nei confronti del ricorrente Gilles Bordelais, ex dipendente di Julia Reda, membro del Parlamento europeo, che da allora si era dimesso dal Partito Pirata.
    (Link alla notizia)

    Gerold Otten verfehlt Mehrheit für das Amt zum Vizepräsidenten
    Gerold Otten non ottiene la maggioranza per la carica di Vicepresidente

    Giovedì 11 aprile il Bundestag non ha eletto Gerold Otten (AfD) a Vicepresidente del Bundestag. La proposta del gruppo parlamentare AfD di eleggere un proprio deputato (19/9252) non ha ottenuto la maggioranza necessaria di 355 voti, essendoci stati 393 voti contrari, 210 voti favorevoli e 31 astensioni. L'AfD aveva proposto la deputata Mariana Iris Harder-Kühnel (19/8856) nella scorsa seduta del 4 aprile, ma non aveva raggiunto la maggioranza semplice necessaria per l'elezione al terzo scrutinio.
    (Proposta 19/9252)
    (Proposta 19/8856)

    Wie der Mangel an Wohnraum beseitigt werden kann
    Come affrontare la carenza di alloggi

    Il Bundestag si è occupato della situazione dell'edilizia abitativa e degli affitti in un dibattito su un tema di attualità (Aktuelle Stunde) mercoledì 10 aprile. Gli ulteriori dibattiti su questo tema, inizialmente previsti per giovedì 11 e venerdì 12 aprile, sono stati quindi annullati. Gli interventi sono stati concordi sulla necessità di prendere attentamente in considerazione le dimostrazioni avvenute in diverse città nella settimana precedente.
    (Link alla notizia)

    *****************************

    SPAGNA - CONGRESO DE LOS DIPUTADOS

    Ana Pastor asiste a la Conferencia de presidentes de parlamentos de la Unión Europea
    Ana Pastor reclama una mayor implicación de los parlamentos nacionales en los debates europeos
    La Presidente del Congresso dei Deputati, Ana Pastor, e il Presidente del Senato, Pío García-Escudero, hanno partecipato alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione Europea, svoltasi a Vienna l'8 e il 9 aprile scorsi. In sede di Conferenza, il 9 aprile la Presidente Pastor ha tenuto un discorso in cui ha sottolineato l'esigenza di un maggior coinvolgimento delle Assemblee nazionali nei dibattiti europei per rafforzarne il protagonismo nella costruzione dell'Europa del futuro e per contribuire ad incrementare il sentimento di appartenenza al progetto collettivo. La Pastor ha enfatizzato la necessità di continuare ad approfondire la partecipazione dei Parlamenti nazionali alla politica europea come il miglior modo di legittimare 'un futuro comune di prosperità, sicurezza e libertà'. 'Le nostre camere possono contribuire a rafforzare la legittimità democratica degli accordi che si adottano nelle istituzioni europee, e possono far sì che i dibattiti della politica nazionale conservino maggior collegamento con l'attualità comunitaria, circostanza che senza dubbio fortificherà il sentimento di appartenenza al progetto collettivo', ha precisato la Pastor, chiedendo anche che vengano riviste le direttive della cooperazione interparlamentare e che si continui a lavorare per l'istituzione di gruppi ad hoc in materie come la cybersicurezza, l'utilizzo di big data o di nuove tecnologie che consentano di definire le riforme legislative necessarie a far fronte alle nuove sfide. La Presidente Pastor ha, infine, richiamato l'attenzione dei colleghi sui rischi connessi all'ascesa dei populismi e del loro manifestarsi in occasione degli imminenti comizi per le prossime elezioni europee. 'I populismi pretendono di minare il progetto di pace e prosperità che ci ha accompagnati in questi decenni, con una falsa idea di fallimento funzionale solo alla visione di quanti vogliono manipolare la realtà a proprio beneficio', ha detto la Pastor.
    Si ricorda che la Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione europea riunisce i Presidenti delle Assemblee parlamentari degli Stati membri dell'Unione e il Presidente del Parlamento europeo. La Conferenza rappresenta la principale sede per lo scambio di opinioni, informazioni ed esperienze, nonché per la promozione di studi e azioni comuni su temi attinenti al ruolo dei parlamenti e all'organizzazione delle funzioni parlamentari, anche in relazione alle forme e agli strumenti della cooperazione interparlamentare. Compiti e finalità della Conferenza e gli aspetti principali dell'organizzazione dei lavori sono regolati dai "princìpi direttivi" approvati nella riunione di Roma del settembre 2000, che circoscrivono le materie di dibattito fra i Presidenti a quelle riguardanti il ruolo dei parlamenti e l'organizzazione delle funzioni parlamentari, riconducibili ai compiti tipici dei Presidenti di Assemblea parlamentare. Sono quindi esclusi di massima temi di natura politica. In compenso, non sono previsti vincoli specifici per le sue modalità d'azione che possono comprendere anche eventuali deliberazioni. La Conferenza si riunisce annualmente. A partire dal 2008, sulla base di una decisione adottata a Bratislava, è presieduta dal paese che ha detenuto la presidenza dell'Unione europea nel secondo semestre dell'anno precedente. La Conferenza delibera per consenso e può costituire gruppi di lavoro per preparare l'esame di questioni complesse.
    [Comunicato stampa]
    [Fotonotizia]
    [Discorso pronunciato dalla Presidente Pastor]

    *****************************

    SPAGNA - SENADO

    Isabel San Sebastián pronuncia su conferencia sobre "La Rendición de Granada" de Francisco Pradilla
    Nell'ambito del ciclo di conferenze organizzate dal Senato in collaborazione con l'Associazione di Scrittori con la Storia, i cui membri sono chiamati a prendere spunto dalle opere pittoriche possedute dalla Camera Alta per illustrare episodi della storia spagnola (Cfr. la Newsletter del 15 febbraio u.s.), il 9 aprile la scrittrice Isabel San Sebastián ha tenuto una conferenza sul dipinto di Francisco Pradilla 'La Rendición de Granada', previa introduzione del senatore Ignacio Cosidó. Le giornate culturali volute dal Senato sono state inaugurate dal Presidente Pío García-Escudero, lo scorso 26 febbraio con la conferenza tenuta dallo scrittore José Calvo Poyato sul dipinto 'La conversione di Recaredo' del pittore Antonio Muñoz Degrain. Il prossimo appuntamento si svolgerà il 22 aprile alle ore 12, quando la scrittrice e giornalista Eva Díaz Pérez terrà una conferenza sul dipinto di José Moreno Carbonero dal titolo 'Entrada de Roger de Flor en Constantinopla'. Gli incontri si svolgono nella cornice del Salone dei Passi Perduti, sono aperti al pubblico sino a completa capienza della sala e si terranno sino al prossimo 20 maggio, secondo un preciso calendario. Per raggiungere il maggior numero di cittadini, le conferenze sono trasmesse in diretta streaming sul web della Camera e sono disponibili sul canale Youtube del Senato.
    [Comunicato stampa]
    [Comunicato stampa relativo alla conferenza del 22 aprile p.v.]

    García-Escudero defiende en Viena la cooperación de la UE con sus vecinos
    Come la Presidente del Congresso, anche il Presidente del Senato, Pío García-Escudero, è intervenuto alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione Europea a Vienna, pronunciando un discorso in difesa della cooperazione dell'Unione con i suoi vicini, stimolo necessario 'a costruire società più democratiche, più avanzate economicamente e con legami culturali più solidi nella regione euro mediterranea'. 'Gli arrivi massivi di persone iniziati nel 2011 come conseguenza dei conflitti regionali in Medio Oriente e nell'Africa Subsahariana - ha proseguito García-Escudero - hanno dato luogo all'implementazione di misure centrate sulla gestione delle frontiere esterne e sul sostegno e sull'assistenza finanziaria ai paesi con maggiore pressione migratoria, come la Turchia, l'Italia, la Grecia o la Spagna'. 'Ma ciò che questa crisi migratoria ha reso evidente - ha proseguito García-Escudero - è stata l'insufficienza di un approccio esclusivamente eurocentrico, ma anche la necessità di approfondire la cooperazione con i nostri vicini, fondamentalmente con i paesi di transito (e ora anche di destinazione), come Marocco, Algeria, Tunisia, Libano, Giordania, o Egitto'. Per il Presidente del Senato, 'la riduzione degli arrivi massivi di persone a partire dalla metà del 2017 dimostra il successo di una politica europea di vicinato'. García-Escudero ha poi sottolineato l'importanza di associazioni di livello macro-regionale come l'Unione per il Mediterraneo e l'Associazione Orientale 'che cercano di creare uno spazio di pace, stabilità e prosperità condivisa con i paesi del Mediterraneo e i paesi dell'Est, rispettivamente'. Tra le sue iniziative, il Presidente del Senato ha sottolineato quelle relative alla protezione dell'ambiente e allo sviluppo di un progetto integrato di difesa a livello europeo. García-Escudero ha, poi, sottolineato che i Parlamenti, quali canali privilegiati per l'espressione politica dei cittadini, 'devono occupare un luogo centrale nel dibattito pubblico su questioni di importanza capitale, non solo attraverso il controllo preventivo del lavoro delle istituzioni politiche, ma anche con il successivo monitoraggio dell'azione dei Governi, tanto nazionali quanto dell'Unione'. Per concludere, il Presidente del Senato ha sottolineato che 'non dobbiamo perdere di vista le sfide di un mondo sempre più interconnesso, nel quale problemi come l'ambiente, i conflitti regionali, il terrorismo, l'economia globale, l'agenda digitale, il rispetto dei diritti umani o i fenomeni migratori, esigono necessariamente una cornice di cooperazione che trascende inevitabilmente le frontiere di ciascuno Stato'.
    [Comunicato stampa]

    García-Escudero se reúne con el presidente del Senado francés
    Il 9 aprile, a margine della Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti Europei di Vienna, il Presidente del Senato ha partecipato a un vertice bilaterale con il Presidente del Senato francese Gerard Larcher. In tale occasione, i due Presidenti hanno firmato una dichiarazione di sostegno al bicameralismo che stanno sottoscrivendo i Senati europei. García-Escudero ha, poi, ringraziato Larcher per la lettera con la quale si è scusato per il sostegno mostrato da 41 senatori francesi al nazionalismo catalano affinché si svolga un referendum ad hoc in Catalogna, esprimendogli ancora una volta il proprio sostegno all'unità della Spagna.
    [Comunicato stampa]

    El Senado acoge la presentación de la obra "América en el Mundo Hispánico. Una revisión histórica, jurídica y política"
    Il 10 aprile, si è svolta, al Senato, la presentazione del volume 'América en el Mundo Hispánico. Una revisión histórica, jurídica y política', opera collettiva patrocinata dall'Università Panamericana del Messico per celebrare il V Centenario della fondazione della città di Veracruz, considerata il primo municipio in terra ferma americana. All'evento, presieduto dal Senatore ed ex Presidente del Senato Juan José Lucas, hanno partecipato: il cattedratico di Diritto Costituzionale dell'Università Pontificia di Comillas, Miguel Ayuso, il membro della Reale Accademia di Storia e Presidente della Reale Accademia di Giurisprudenza e Legislazione, José Antonio Escudero. Alla presentazione sono intervenuti i coordinatori dell'opera, Gustavo Jesús Garduños e Manuel Andreu, cattedratici dell'Università Panamericana del Messico.
    [Comunicato stampa]

    Senado acoge la XII edición de los Premios Taurinos organizados por la Asociación Taurina Parlamentaria
    L'11 aprile, si è svolta al Senato la cerimonia per la consegna della XII edizione dei Premi Taurini attribuiti dall'Associazione Taurina Parlamentare (ATP). All'evento, svoltosi nella cornice del Salone dei Passi Perduti e presieduto dal Presidente del Senato, hanno partecipato: la Vicepresidente del Governo, Carmen Calvo, il Presidente dell'ATP, Miguel Cid Cebrián, il Dirigente dell'ATP, Juan Manuel Albandea, l'Eurodeputato Luis de Grandes, il Vicepresidente dell'ATP, Carlos Salvador, e il Segretario dell'Associazione, Javier Marqués. Tra i premiati di questa edizione, si ricordano: la scrittrice e fotografa Muriel Feiner, per la categoria mezzi di comunicazione; il pittore Diego Ramos, per la sua manifestazione artistica collegata al mondo taurino; l'antropologo e scrittore François Zumbiehl, per la promozione e la difesa della festa taurina. Sono stati, infine, premiati i toreri Andrés Vázquez e Juan José Padilla, la Casa della Misericordia di Pamplona e i fratelli Lozano por il loro impegno a favore della tradizione taurina.
    [Comunicato stampa]

    *****************************

Abbonarsi alla newsletter

* Campo obbligatorio

FINE PAGINA

vai a inizio pagina