«
»

Martedì 4 Dicembre 2018 - 66ª Seduta pubblica

(La seduta ha inizio alle ore 15:08)

L'Assemblea ha approvato il rendiconto delle entrate e delle spese del Senato per l'anno finanziario 2017 e progetto di bilancio interno del Senato per l'anno finanziario 2018.

Il Presidente della Commissione bilancio, sen. Pesco, ha riferito sui dati essenziali dei documenti: la spesa a consuntivo nel 2017 è di 488 milioni; rispetto ai 520 milioni del 2012 si registra una riduzione del 6 per cento che sale al 10 per cento, tenendo conto dell'inflazione. Il Senato ha dunque partecipato al contenimento della spesa pubblica e continuerà a fare la sua parte nel risanamento, con una gestione improntata alla parsimonia e all'efficienza. In prospettiva occorrono procedure concorsuali per garantire un buon andamento dell'istituzione.

Il sen. questore De Poli ha riferito sulle modificazioni apportate al bilancio approvato alla fine della scorsa legislatura, richiamando l'opportunità di rafforzare le attività internazionali del Senato e di potenziare le attività di ricerca e documentazione. Ha poi menzionato i risparmi derivanti, in prospettiva, dal percorso di dematerializzazione e le novità introdotte nell'efficientamento energetico. Negli anni 2018-2020 la dotazione del Senato diminuisce in modo strutturale di 21,6 milioni; in soli sei anni dall'inizio della legislatura il peso sulla finanza pubblica sarà ridotto di 221 milioni. Le previsioni di spesa nel 2018 registrano il segno meno per l'ottavo anno consecutivo: i risparmi hanno riguardato tutti i settori (dinamica delle retribuzioni, indennità parlamentare, spesa previdenziale, spese di funzionamento generale).

Alla discussione congiunta hanno partecipato il sen. Romeo (L-SP), il quale ha auspicato la conferma dell'attuale assetto organizzativo dell'amministrazione, e il sen. Schifani (FI), il quale ha ricordato la riduzione del 40 per cento del personale dal 2006.

Hanno svolto dichiarazione di voto favorevole la sen. De Petris (Misto-LeU), che ha sottolineato l'importanza di un'amministrazione indipendente e qualificata; il sen. Collina (PD), che ha evidenziato l'opportunità di proseguire sulla strada dell'unificazione del servizi di Camera e Senato; il sen. Tosato (L-SP) che, nel ribadire l'impegno al risparmio, ha ricordato che la spesa delle Camere è un costo della democrazia e non della politica; il sen. Malan (FI) ha ricordato che il Senato è al servizio dei cittadini; il sen. Patuanelli (M5S) ha ricordato che le riduzioni di spesa corrente non escludono investimenti in riqualificazione, ricerca, aggiornamento professionale.

La Conferenza dei Capigruppo ha apportato integrazioni al calendario dei lavori: il presidente del Senato renderà comunicazioni sulla legge di bilancio lunedì 10 dicembre; il Presidente del Consiglio mercoledì 12 dicembre renderà comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 13 e 14 dicembre.

I sen. Loredana De Petris (Misto-LeU), Ferrari (PD), Fazzolari (FdI), Gasparri (FI) e Casini (Aut) hanno chiesto una comunicazione del Governo sul Global Compact; la sen. De Petris (Misto-LeU) ha proposto anche un'informativa relativa alla Conferenza sui cambiamenti climatici cop 24; il sen. Ferrari (PD) ha proposto inoltre un'informativa del Vice Presidente del Consiglio Di Maio sulle irregolarità nell'azienda di famiglia. Il sen. Romeo (L-SP) ha ricordato che il Governo non parteciperà alla Conferenza sul Global Compact; il sen. Patuanelli (M5S) ha precisato che le vicende dell'azienda non hanno attinenza con le funzioni del Vice Presidente Di Maio il quale ha già chiarito la sua posizione. Tutte le proposte di integrazione del calendario sono state respinte.

(La seduta è terminata alle ore 17:19 )

FINE PAGINA

vai a inizio pagina